6. Locarnese e Vallemaggia

  • Tappa molto impegnativa, sia per la distanza, che per pendenza e dislivello. Si parte dal lago di Locarno, e seguendo la ciclopista si risale con pendenze molto dolci la Val Maggia fino a Bignasco. Si entra poi in Val Lavizzara e le pendenze aumentano, alternando salite a falsi piani. Si prosegue fino a Fusio e poi si sale alla diga e al lago del Sambuco. Si pedala quasi in piano costeggiano il lato est del lago, e da qui in avanti le cose si fanno decisametne serie. Lo strappo finale fino al lago del Naret presenta pendenze che raggiugnon anche picchi del 18%, ma lo spettacolo ripaga la fatica… In cima un panorama “semiglaciale” ancora fino a luglio inoltrato accoglie il ciclista ormai stanco, ma contento! (Andata e ritorno 126 km ; dislivello di salita 2’180 m).

pla naret    altim naret

ScreenShot001 ScreenShot005 ScreenShot007 ScreenShot008 ScreenShot009 ScreenShot010 ScreenShot011 ScreenShot012 ScreenShot013

  • Tappa impegnativa che si sviluppa fra diversi distretti ticinesi e la regione Italiana della Val Veddasca (provincia di Varese). Si parte dal Bellinzonese (Cadenazzo), si prosegue poi nel Locarnese dove si attraversa la prima parte del Gambarogno fino a Vira per poi fare l’intensa salita che porta all’Alpe di Neggia. Si sconfina poi in Italia, nella Valle Veddasca, si scende fino a Lozzo, dove ci si immette su una strada forestale (ancora in fase di esecuzione) fino al ponte di Piero, oltrepassare il torrente Giona e ritrovarsi sull’altro versante della valle. La discesa continua fino a Dumenza. Si rientra poi in Ticino, nel Luganese, oltrepassando Sessa, Molinazzo, Ponte Tresa ed Agno. Da qui in avanti fino al Monte Ceneri si può seguire su un falso piano in salita una bella pista ciclabile quasi interamente sterrata, per concludere poi con la discesa finale che ci riporta al punto di partenza. (Circa 85 km ; dislivello di salita 1700 m).

neggia-vedeggio  neggia-vedeggio (2)

negg (1)

negg (2)  negg1 (1)  negg1 (2)  negg1 (3)

  • Partenza ed arrivo dal Lido di Locarno. Percorso con un dislivello comunque già importante, che si sviluppa sia su strada asfaltata che su sentiero. Prima di arrivare a Cardada la strada lascia posto ad un sentiero corto ma poco pedalabile, da Cardada fin su a Cimetta invece il sentiero pedestre presente una “corsia” con dei sagomati che permettono una buona pedalata. Stupendo il panorama che si gode dalla vetta (40 km; dislivello 1500 m).

altimetria Cimettaplanimetria 2 

IMG_9711 IMG_9712 IMG_9710 IMG_9723 FullSizeRender

  • Percorso semplice che dal lido di Locarno, percorrendo le Centovalli, porta fino a Camedo ed al confine italiano (40 km; dislivello 450 m).

loc-cam   centovalli

centov (1) centov (2) centov (3)

  • Percorso che dal lido di Locarno porta a Spruga, ultimo villaggio della bella Val Onsernone prima di arrivare al confne italiano (60 km; dislivello 1’100 m).

topo_ons2 topo_ons  onsernone

dir_ons (1) dir_ons (2) dir_ons (3) dir_ons (4)

  • Uscita di media difficoltà che dal lido di Locarno porta alle origini del piccolo fiume Ribo, affluente dell’Isorno. Il tracciato si snoda nelle valli dell’Ovest del Locarnese ; si tocca la regione delle Centovalli fino a Cavigliano, si prosegue poi nella Valle Onsernone fin quasi a Crana per poi terminare nella Valle di Vergelletto che viene percorsa per tutta la sua lunghezza fino all’Alpe del Casone per terminare poi a quota 1361 m.s.m. dove finisce la strada sterrata (70 km, dislivello 1’350 m).

planimetria (2) 3dblock (1) valle vergelletto

planimetria (1) dettaglio

vergelletto (1) vergelletto (2) vergelletto (3) vergelletto (4) vergelletto (5)

  • Da Cevio si risale la Valle di Campo fino a Cerentino, per poi proseguire nella Valle di Bosco fino a Bosco Gurin che con i suoi 1’504 m.s.m è il comune più alto del Cantone Ticino ed è l’unico Comune ticinese di lingua tedesca. Da segnalare le pendenze che raggiungono anche il 14% nei lunghi rettilinei finali (32 km, dislivello 1’090 m).

plani bg2 3dblock (2)

plani bg  basco gurin

bg (1) bg (2) bg (3) bg (4)

  • La Valle Bavona. Salendo la Locarno, sulla bella ciclabile della Val Maggia, si raggiunge Bignasco, da qui si inizia a salire con pendenze regolari frammentate da diversi falsipiani fino a San Carlo (960 m.s.m.) ed alla partenza della funicolare di Robei (ca. 1030 m.s.m.). Da li la strada finisce e purtroppo non è possibile caricare la bici sulla funicolare. Si torna… (85km; dislivello 1040 m).

planimetria v_bavona (1) planimetria v_bavona (2) altimetria v_bavona

v_bavona (2) v_bavona (3) v_bavona (1) v_bavona (4)

  • La Valle di Peccia. Salendo da Locarno, dopo aver raggiunto Bignasco sulla bella ciclabile a pendenze dolci e regolari, si inizia a salire verso Peccia, da dove si può poi giungere al Piano di Peccia e a San Antonio.

ScreenShot004  ScreenShot003  ScreenShot001

  • La Valle Verzasca; con partenza dal Centro Sportivo di tenero ed arrivo a Sonogno, con piccola ascesa fino in località Secasa e ritorno fino ad Ascona (70 km; dislivello 1000m). Da Sonogno fino a sud di Brione verzasca nel 2015 è stato costruito nell’estate 2015 un nuovo sentiero per mountainbike. Peccato che manchi un pista ciclabile nella parte bassa della Valle e le gallerie nella regione del lago di Vogorno non sono certo il massimo quando si è in bici. Incredibile invece il panorama.

plan sonogno (2)   ScreenShot003  ScreenShot001

verz (5) verz (4) verz (1) verz (2) verz (3) IMG_9431  IMG_9426 IMG_9430

Annunci